Articoli marcati con tag ‘Tom Welling’

Smallville fa 200 con Brainiac 5

venerdì, 29 ottobre 2010
Ascolta con webReader
Brainiac 5 interpretato da James Marsters

Brainiac 5 interpretato da James Marsters

L’avevo anticipato ad agosto in questo articolo, e nel frattempo la cosa è sbocciata in realtà: James Marsters (“Buffy the Vampire Slayer”, “Torchwood”) è tornato per una toccata e fuga sul set del telefilm “Smallville”, che aveva già calcato tra il 2007 e il 2009 nei panni del villain Brainiac.
Questa volta, però, Marsters ha interpretato una variazione sul tema del suo vecchio ruolo, presentandosi in scena a uno stupito Clark Kent (Tom Welling) come Brainiac 5, crononauta della Legione dei Super-Eroi. Questo incontro è avvenuto in un episodio davvero speciale di “Smallville”, il 200esimo, andato in onda degli States lo scorso 15 ottobre.
Ecco come il network americano ospite della serie, The CW, descrive la puntata in un comunicato stampa pubblicato da Comics Continuum:

“In an attempt to cheer up Clark (Tom Welling), Lois (Erica Durance) convinces him to attend their five-year high school reunion. A visit back to the home of the Crows has Clark remembering old times with Lana (Kristin Kreuk) and Chloe (Allison Mack), while Lois is furious that no one remembers her five days as a student. Brainiac 5.0 (James Marsters) uses his Legion ring to visit from the future and takes Clark through his past, present and future. He shows Clark what really happened the night Jonathan died, Oliver’s (Justin Hartley’s) current pain and Clark’s future at the Daily Planet with Lois and his role as Earth’s favorite red and blue superhero.”
The episode, the series’ 200th, was written by Brian Peterson and Kelly Souders and was directed by Jeannot Szwarc.

Su queste pagine ho spesso colto l’occasione per sottolineare il mio generale disprezzo per “Smallville”, un sentimento che – ci tengo a sottolinearlo – non dipende certo dalla libertà con la quale gli autori della serie hanno rivisto il mito di Superman, ma dall’imbarazzante banalità delle sceneggiature, quasi sempre a mio avviso stantie e farraginose.
Tuttavia, devo ammettere che questa puntata numero 200 non mi è affatto dispiaciuta, e anzi ho trovato addirittura gustosi i suoi cristallini richiami al “Canto di Natale” di Dickens (con Marsters nelle vesti di spettro del passato, del presente e – ovviamente – del futuro). Inoltre, da qui in poi pare che il serial, finora a tratti cupissimo, imbocchi finalmente la direzione più solare di matrice “donneriana” tanto cara ai fan del Superman cinematografico, che trovo francamente più azzeccata per l’Uomo d’Acciaio.
Peccato che l’attuale stagione di “Smallville”, la decima (ulp!), sia anche l’ultima. Tutti questi spunti positivi, insomma, non saranno mai approfonditi come a mio avviso sarebbe stato opportuno, e come avrei auspicato da spettatore. Poco male: chissà che tutto questo non accada invece al cinema (pare ormai certo un nuovo film sull’alter ego di Kal-El, diretto da Zack Snyder) o, addirittura, in nuove serie tv a venire.

Smallville: il flashback liberatorio

martedì, 24 novembre 2009
Ascolta con webReader

Lo scorso 20 novembre il network americano CW ha trasmesso “Pandora”, nono episodio della nona stagione del telefilm “Smallville”. Purtroppo, gli sceneggiatori della serie tv liberamente ispirata al mythos dell’Uomo d’Acciaio hanno definitivamente escluso, con questa puntata, un immediato ritorno in scena della Legione dei Super-Eroi.

Come ricorderete, l’ultimo legame ancora irrisolto tra il presente di “Smallville” e il 31esimo secolo risiedeva nel misterioso viaggio nel tempo compiuto da Lois Lane ad inizio stagione. Venuta casualmente in contatto con un Legion flight ring, la procace giornalista del Daily Planet sembrava essere finita, come logico, nella Metropolis di Cosmic Boy e soci. Finora, nulla era stato rivelato di quel viaggio. Anche perchè, al suo ritorno, la ragazza aveva smarrito ogni memoria di quanto accadutole nel futuro.

In “Pandora”, finalmente, tutto viene alla luce. Il viaggio di Lois è stato più breve del previsto e il personaggio interpretato da Erica Durance è stato catapultato solo un anno più in là.
Non voglio fare ulteriori spoiler su quanto il domani abbia schiuso agli occhioni della Lane, per evitare sgradite sorprese ai pochi coraggiosi che hanno ancora lo stomaco di seguire “Smallville”. L’importante, ormai, è che io mi sia liberato di un grave peso: quello di tenere d’occhio la serie CW con protagonista Tom Welling, alla svogliata ricerca di qualche novità sui legionari di celluloide. Com’è dura essere un nerd!
A questo punto, non posso che augurare in bocca al lupo agli aficionados della Justice Society of America: ragazzi, da gennaio tocca a voi! Buona, ehm, visione.

Lois Lane si risveglia nel futuro, ma non in quello della Legione

Lois Lane si risveglia nel futuro, ma non in quello della Legione

Lois Lane: “Il futuro, questo sconosciuto”

giovedì, 8 ottobre 2009
Ascolta con webReader

Tra il totale disinteresse dei buongustai, lo scorso 25 settembre il canale americano CW ha ospitato il ritorno in onda del barbarico serial tv “Smallville”, che quest’anno festeggia la bellezza di nove (!) anni di vita. Ehm, urrà!

Al termine della scorsa stagione avevamo assistito, pur a malincuore, alla scomparsa di Lois Lane in un misterioso lampo luminoso. La procace giornalista del Daily Planet si era infatti imbattuta per caso nell’anello della Legione, capolavoro di nanotecnologia appena donato al collega Clark Kent dal viaggiatore temporale Cosmic Boy. Il contatto con il Flight Ring da parte del personaggio interpretato da Erica Durance ha dato però il via a una procedura imprevista che, presumibilmente, ha condotto la ragazza verso il 31esimo secolo.

Cosa è successo dunque a Lois durante il suo periodo di permanenza nella Metropolis del domani? Purtroppo, stando a quanto accaduto nei primi epidodi della nuova serie, non se ne sa una mazza.
Le uniche informazioni in merito sono reperibili giusto nella prima puntata, dal titolo “Savior”, nella quale la Lane è tornata in scena nel presente come se nulla fosse. Ecco come il sito Smallville Wikia riassume l’accaduto:

Chloe is shocked when Lois suddenly reappears after having been missing for weeks, but Lois has no recollection of vanishing into thin air with the Legion ring. [...]

Chloe visits Lois at the hospital and it’s clear that Lois doesn’t remember what has happened since she fought with Tess and disappeared. She realizes that the Red-Blue Blur saved her and saved Chloe from Doomsday as well. Lois remembers she was supposed to meet with the Red-Blue Blur at midnight and runs out, leaving the Legion ring behind.

Chissà se prima o poi questa trama tornerà a far parlare di sè, o se gli sceneggiatori considerano già chiuso l’argomento. Per quanto mi riguarda, un urlo squarcia la mia stanza: aridateme “Quantum Leap”!

Lois si imbatte nel Legion Flight Ring nel finale dell'ottava stagione di Smallville

Lois si imbatte nel Legion Flight Ring nel finale dell'ottava stagione di Smallville

SDCC ’09: Niente… futuro per Smallville

sabato, 8 agosto 2009
Ascolta con webReader

La scorsa stagione televisiva ha visto andare in onda negli Stati Uniti l’ottava serie di “Smallville”, celebre telefilm “di formazione” sulle avventure giovanili di un inedito Clark Kent “emo”. A far brillare di interesse il sottoscritto nei confronti di questo mediocre prodotto televisivo, generalmente noioso e mal scritto, è stato l’ingresso in scena della Legione dei Super-Eroi, per la prima volta immortalata nei volti di attori in carne ed ossa (Alexz Johnson, Ryan Kennedy e Calum Worthy).

Per gli amanti di Saturn Girl e soci, quello di “Smallville” resta un argomento da tenere d’occhio. Il finale dell’ottava stagione, infatti, lascia intendere fortemente la possibilità di un ritorno sul piccolo schermo da parte del team futuribile. Magari ritratto nel suo setting naturale, la Metropolis del 31esimo secolo, invece che “in viaggio” nel presente.
Purtroppo, nel corso della scorsa San Diego Comic-Con, lo sceneggiatore Geoff Johns ha però dovuto ammettere che, per questioni di budget, una simile rappresentazione della Città del Domani non ha alcuna speranza di vedere la luce nel serial trasmesso da CW:

Briefly touching on his work on “Smallville,” Johns revealed that he and the show’s producers had discussed depicting the 31st century on the CW series, but that budget restraints made it impossible. For example, if such a direction had been pursued, Lightning Lad would not have been able to demonstrate any of his electricity powers, making the whole thing rather pointless.

Naturalmente, questo non significa che i legionari non possano comunque tornare a fare capolino nella vita di Kal-El. Anche perchè, come rivelato nella San Diego Comic-Con durante lo Smallville panel, pare che nelle puntate a venire Clark sia destinato ad abbracciare finalmente l’alter-ego supereroico di Superman:

Introducing an “exclusive, made for Comic-Con sneak peek” of season nine footage. [...] Ends with shot of Clark in a costume wtih an “S” logo. Looked dark, but it was a dark setting for the scene. Almost looked black with a black coat, and a dark blue Superman “S” shield.

Se anche non ci fosse posto subito per la Legione, i produttori hanno ventilato la speranza sempre più concreta del prosieguo della storia per una decima stagione:

“Thank you to the fans,” Souders says, pointing out that a year ago, they didn’t know if they would have a season nine. “We’re gunning for season 10.”

Un’affermazione, questa, che lascia traspirare un enorme dubbio: è una promessa o… una minaccia?

La Legione prenota un altro volo per “Smallville”

venerdì, 22 maggio 2009
Ascolta con webReader
"Smallville Magazine" #32 (Titan Books)

"Smallville Magazine" #32 (Titan Books)

Nonostante i miei buoni propositi, alla fine ho ceduto alla curiosità e ho guardato il finale dell’ottava stagione di “Smallville”. Sì, è stata una pessima idea.
Senza entrare nel dettaglio della trama per evitare spoiler, mi accontento di dire che ho trovato l’episodio veramente pessimo: dialoghi verbosi ed estenuanti, scene d’azione affrettate e spesso consfuse (lo scontro finale con Doomsday), consecutio poco chiara tra alcune sequenze (una su tutte con Miss Tessmacher), sviluppi telefonati della storia (il rapporto tra Clark e Ollie). Il buontempone che ha regalato agli autori una copia del manuale su come “non” scrivere i telefilm si starà scompisciando, perchè loro ne stanno facendo davvero uso.  Sveglia, era uno scherzo, ragazzi!

Per questo, temo che la notizia che sto per dare potrebbe essere interpretata per certi versi come una vera e propria minaccia.
Nel corso della puntata, un personaggio del cast viene accidentalmente in possesso dell’anello di volo di Clark, che lo catapulta, presumbibilmente, nel futuro della Legione. Se siete rosi dalla curiosità di conoscere il nome del fortunato viaggiatore, date un’occhiata al trailer che ho inserito a suo tempo in questo articolo e ci arriverete sicuramente da soli. In ogni caso, mi pare chiaro che i ragazzi del XXXI° secolo faranno la loro comparsa anche l’anno prossimo, nella nona serie. Che, per inciso, andrà in onda di venerdì invece che di giovedì.
I lettori più curiosi possono stare tranquilli, continuerò a battere la pista!

Intanto, su “Smallville Magazine” #32, edito in lingua inglese da Titan Books, è apparsa un’intervista ai tre attori che nel corso della stagione appena conclusa hanno rivestito il ruolo di legionari: Alexz Johnson (Saturn Girl), Ryan Kennedy (Cosmic Boy) e Calum Worthy (Lightning Lad). Il sito Smallville Buzz ha pubblicato un estratto dell’articolo, dal quale a mia volta riporto uno stralcio qui sotto:

How would you describe your respective characters?

CW: Geoff gave me a really good analogy, which is that Garth is the personification of his power, which is lightning. In his head, he moves from one thing to another quickly. He’s almost got ADD, and this aspect of his character can be harmful to the rest of the Legion, because he [usually] doesn’t think before he acts. However, when Rokk and Imra really need him, Garth’s always up for the task. There are some great scenes where we see Garth change from his usually crazy ways to becoming a totally focused guy.

RK: I would describe Rokk as very military. He takes his job, responsibility, and powers very seriously. He’s very [certain] in his duty and what he needs to do in order to bring justice and making sure good overcomes evil. Rokk’s very passionate about it and honorable.

AJ: Imra has the ability to read people’s minds, which is crazy. She can see below the surface and [know] people’s intentions. That’s pretty awesome, especially in this day and age. It’s right up there with the ability to fly.

Non ci avevo fatto caso prima, ma l’attore che interpreta il legionario di Braal ha le stesse iniziali del suo omologo a fumetti, Rokk Krinn. Svelato un segreto dei casting di CW?
Un grazie al Legion Omnicom per il link!

Smallville premiere: Cosmic Boy in “Doomsday”

martedì, 12 maggio 2009
Ascolta con webReader

Anche se ultimamente ha ospitato la Legione, il telefilm “Smallville” resta per me uno spettacolo inguardabile. A darmi fastidio non è certo l’inevitabile distanza tre le avventure del Clark Kent televisivo interpretato da Tom Welling e la sua controparte cartacea, anzi, ogni nuovo possibile spunto sul mito di Superman è sempre ben accetto dalla vispa curiosità del sottoscritto.
Se snobbo “Smallville” è perchè trovo che questo serial sia mal fatto, punto, al di là del tema di cui tratta. Storie ripetitive e banali, estenuante lentezza nel procedere delle trame, personaggi immobili. O almeno, questa era la mia impressione fino a quando ho proseguito la visione del telefilm, tragica esperienza che ho interrotto con sollievo qualche anno fa.

Sono stato quindi molto sollevato dall’apprendere della clip del season finale a venire, dal titolo “Doomsday” (ugh), che il canale statunutente CW ha diffuso in rete in questi giorni. In questa breve sequenza è possibile assistere all’intera comparsata di Cosmic Boy (Ryan Kennedy) nell’episodio, in una sentita offerta di aiuto a un Clark in credito col destino.
La generosità di CW mi ha salvato dalla visione di tutta la puntata, e ho pensato di condividere la mia fortuna con tutti gli altri Legion-junkies che, come me, si sarebbero sottoposti, per troppo amore, a quel martirio. E’ possibile ammirare la scena nel box di YouTube che si trova qui sotto. Thanks, “Smallville”, but no, thanks!

Cosmic Boy a Smallville in tempo per il… Doomsday

giovedì, 7 maggio 2009
Ascolta con webReader

Il 14 maggio andrà in onda negli Stati Uniti l’atteso finale dell’attuale serie di “Smallville”, che termina così il suo ottavo anno di vita. Questa speciale puntata del telefilm con Tom Welling vedrà tra i suoi protagonisti anche la Legione dei Super-Eroi, già apparsa nel corso della stagione nell’episodio numero undici.
Qui sotto ho riportato il trailer dell’evento, la cui trama pare ispirarsi alla saga della “Morte di Superman”, ben nota agli aficionados dell’azzurrone cartaceo. E in effetti i riferimenti al fumetto si sprecano, a partire da quelli al mythos legionario, come la comparsa di Ryan Kennedy nel ruolo di Cosmic Boy. Speriamo solo che il suo sia più di un semplice cameo!

James Marsters pronto per… Brainiac 5?

martedì, 31 marzo 2009
Ascolta con webReader
Da sinistra: Tom Welling e James Marsters sul set di "Smallville"

Da sinistra: Tom Welling e James Marsters sul set di "Smallville"

Lo sfavillante sito IGN ha pubblicato un’intervista a James Marsters, attore californiano assunto agli onori del pubblico televisivo per il suo ruolo di Spike in “Buffy the Vampire Slayer”.
Marsters, classe 1962, ha anche intepretato la parte di Brainiac nel telefilm “Smallville”, che ha di recente visto protagonista di un episodio anche la Legione dei Super-Eroi. Proprio in luce del finale di quella puntata, che poneva le basi per l’avvento del personaggio di Brainiac 5, IGN si chiede se Marsters non possa approfittarne per prenotare in quelle vesti un ritorno in scena nel serial trasmesso da CW:

IGN: It’s been funny on Smallville this season, because Brainiac has been a presence, but you haven’t been a presence unfortunately.

Marsters: [Laughs] They’re sick of paying me so much money. They were very generous about offering me some money up front and something told me, “Yes, we’re going to work with you James for a good amount of time…” But if you notice, it’s been like that a lot. They talk about the character, but… It’s a good group of people, but I think that may be over.

IGN: Ah, so you don’t think there’s much of a possibility of returning?

Marsters: You know what, who knows? That series just seems to be immortal. It’s done so well. So if the future is long, I’m certainly open to it. If they need me, I’d love to come say hi to everybody. But at the same time, they may not need me. They’re very imaginative about how they do things.

IGN: The last time they had your character, in some form, they sent him off to the future to become Brianiac 5 – the good character from the Legion of the Superheroes.

Marsters: Oh, cool!

IGN: Yeah, it seemed like there was a door there for you to come back in a very different way.

Marsters: That’s cool! [Laughs]

IGN: [Laughs] I might be throwing you a curve ball here, but would that be something that would be fun for you, to play such a different take on Brainiac?

Marsters: Oh yeah. I think that would be wonderful. I would also like to go back and be evil for them too. It’s fun to be evil! It’s fun to play a robot who doesn’t really care and who’s only pretending to. But it would be fun to play a robot who actually did care at the same time…

Marsters non mi dispiacerebbe affatto come Brainiac 5 nel contesto di una Legione adulta, ma onestamente lo troverei davvero fuori luogo in mezzo al gruppo di teen-agers apparso in TV accanto a Tom Welling. Vedremo!
Approfitto dell’occasione per segnalare che l’anello della Legione donato a Clark ha fatto una nuova apparizione nell’episodio di “Smallville” trasmesso negli USA il 12 marzo scorso e intitolato “Infamous”.

Ritorno a Smallville?

venerdì, 6 marzo 2009
Ascolta con webReader

Nell’ultima istanza della rubrica “Ask Ausiello” di Entertainment Weekly, il sempre informato “soffia” della fiction d’oltreoceano ha lasciato intendere che la Legione dei Super-Eroi potrebbe presto tornare sul piccolo schermo, nella sua versione in carne ed ossa già apparsa in America lo scorso 15 gennaio in un episodio del telefilm “Smallville” (l’undicesimo della stagione 8, per la precisione). La puntata, intitolata semplicemente “Legion”, è stata sceneggiata dallo stesso Geoff Johns attualmente alle redini delle sorti del team anche nella sua versione a fumetti, con la miniserie “Final Crisis: Legion of 3 Worlds”. Scrive Ausiello:

Ausiello: The Legion will return in the May finale — in some form.

La notizia potrebbe preludere a un ritorno del supergruppo futuribile anche nella prossima stagione, confermata giusto qualche giorno fa dallo stesso sito di EW. Personalmente non sono affatto un ammiratore di “Smallville”, che trovo uno show generalmente monotono e poco appassionante. Al di là di ogni partigianeria, però, devo ammettere che la puntata di Johns mi è piaciuta parecchio, e sarei lieto di vedere ripetersi l’esperimento. E poi, chissà, non c’è due senza tre!
.

Un'immagine della Legione di "Smallville". Da sinistra: A. Johnson/Saturn Girl, R. Kennedy/Cosmic Boy, C. Worthy/Lightning Lad

Un'immagine della Legione di "Smallville". Da sinistra: A. Johnson è Saturn Girl, R. Kennedy è Cosmic Boy, C. Worthy è Lightning Lad